Ovunque… in un posto di Calabria

Ovunque… in un posto di Calabria

Articolo di Ippolita Luzzo

Natale 2009. Mattina al mare. Gizzeria Lido

Nota musicale:
Che cosa c’èC’è che mi sono innamorata di teC’è che adesso vivo bene se solo stiamo insieme…Il mondo ci appartieneIl mondo mio che è fatto solo di te(Gino Paoli)

Osservo.Una coppia e un cane sulla spiaggia. Lui, t-shirt nera, jeans délavé, maglione nero sulle spalle, alto, capelli neri corti, camminata dinoccolata, calma, da cowboy, lei minuta, bionda, capelli corti, dolcevita nero senza maniche, pantaloni neri arrotolati ai  polpacci. Scalza, corre, gioca con il cane, si ferma, fa fotografie a lui, al cane. Lui infila la felpa con il cappuccio nero, si ferma davanti a lei. Il mare, le onde, lo sciabordio, lui lancia un sasso, il sole intorno a loro.Natale, natale 2009, in Calabria.Il cane scava una fossa. Ecco ora arriva sulla spiaggia un uomo conosciuto nel passato ormai lontano. Cosa so io di costui? Che era ricco, molto ricco, che ha venduto tutto, dilapidato, ed ora vive qui, forse, in questo luogo delizioso, il Golfo di Lamezia Terme, una insenatura tonda, come un ventre di una madre, con a chiudere il verde di una piccola pineta, da un lato, e con il verde più esteso a sinistra.A sinistra un pescatore, le sue lenze stese, un secchio azzurro aspetta, lui si alza, prende una lenza e raccoglie il mulinello, controlla se il pesce ha abboccato.Un ramo, una scultura, è poggiato plasticamente sull’arenile, l’uomo del passato telefona, si allontana, non mi ha riconosciuto.Non sa più chi io sia. Mi dicono, i miei cari, che sono il nulla, il niente, forse non hanno tutti i torti. Ma è Natale, Natale 2009, al mare, a Gizzeria Lido.Arrivano altri ragazzi con il cane, vanno via.Il mare ha il colore del vetro, opalescente, grigio, azzurro, trasparente, la conca si delinea con una lunga linea iridescente, lattea, luminosa, lunga fino a Pizzo, una barca in lontananza, il sole si vela. Siamo pur sempre a dicembre, dicembre nel tempo dell’effetto serra.

Le mie amiche telefonano.
Auguri, Buon Natale Grazie. Sono quasi felice.Non mi sono mai sentita meno sola di questo momento, con la penna in mano.Grazie della compagnia.

Nota musicale:C’è qualcosa nell’aria …. È una musica una musica ribelle……(Pino Daniele)

Post correlati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: